"Come un filo che pende" presentazione del nuovo libro di Federico Pagliai

21

"Vedi ragazzo, sembra di andare avanti, di progredire. . . Ma a me non pare sai? Io ho paura, anzi credo, che si stia tornando indietro. Questo è un mondo che gira male. Ma io, ho quasi cento anni, e ormai sono a fine corsa, non ci posso far nulla. . . Peccato, io non avrei paura di tornare indietro”.

Un mondo di crinali, natura, alberi, pietre, animali e funghi. Atmosfere tra fiaba e realtà.

La storia di una vita, quella di Gildo, ultimo contadino della montagna pistoiese, ripercorsa attraverso esperienze, storie e ricordi raccolti dalla penna di Federico, giovane legato alla montagna e alle proprie radici che vuole tenere vive e riscoprire per non perderle del tutto.

Storia di un incontro tra generazioni ma anche storia dello sviluppo, spesso avventato, di una comunità. Andare a lavorare in fabbrica e abbandonare i vecchi mestieri di bosco, di bestie e di
campo o continuare a vivere in montagna in simbiosi con i ritmi dettati dalle stagioni? Bivio che divide e che costruisce nuove realtà sociali.
Attraverso i racconti di questo libro sarà possibile tornare a vivere un tempo in cui la vita degli uomini scorreva in simbiosi con una natura forte e fiera, un altro mondo così diverso da quello di oggi.
www.federicopagliai.it