34° Pinocchio sugli Sci Abetone 2106, anche oggi un successo con i cuccioli 2.#sci #sport #news

pubblicità
Sportcultura Produzioni

La pista Stadio da Slalom della SAF Abetone anche oggi, nonstante le temperature di stagione,
ha retto le discese di 192 atleti dei 198 iscritti alla Finale nazionale cuccioli 2
della 34° edizione del PInocchio sugli Sci Abetone 2016;
6 non si sono presentati al cancelleto di partenza.
Lo slalom gigante si è disputato con la massima regolarità,
dando la possibilità a tutti gli atleti in gara di esprimere il loro potenziale.
Basti pensare, per esempio, che Elena Frontul del Gardena Raffaisen
è arivata decima con il pettorale 58 ed è salita sul podio per le premiazioni,
e che Giulio Cima, pettorale 178 del Lecco, è arrivato ventinovesimo:
se fosse stato un gigante categoria allievi o una gara FIS,
sarebbe partito secondo nella seconda manche.
Pensando nella solita maniera Alessandro Piscanec, Cai XXX Ottobre,
partito per quintultimo con il pettorale 194,
ha sfiorato per 2 centesimi il trentesimo posto.
Una bella giornata di sport grazie a un’organizzazione impèccabile
dove ogni attore porta a buon fine il propio compito.
Questa sinergia fa si che tutti, vicini e lontani, possano ricordare le gare del Pinocchio sugli Sci all’Abetone
come delle belle feste, dove si ride, si scherza e si fanno nuove amicizie
senza sottovalutare e compromettere il profilo agonistico.
Questo è sport ed è così che si formano le classifiche con il sorriso sulle labbra.
Nella categoria femminile è arrivata prima Ellis Pellizzari del Gardena Raiffaisen con un tempo di 56".44,
seconda Francesca Gatta Agonistica Campiglio Val Rendena a 17 centesimi,
terza Virginia Righi del Tezenis Ski Team con un tempo di 57".56.
Il podio della categoria maschile vede al primo posto il piemontese Gregorio Bernardi
che ha conluso la sua gara con un tempo di 56".08,
secondo Luca Bonapace dello Sporting Campiglio con 56".93 e
terzo il toscano dello Sci Club Lanciotto Diego Bucciardini,
con un tempo di 57".14.
…alla prossima!

pubblicità
pubblicità